Di quando l’ENIT ha fatto l’ENIT. #WillkommenInItalien #azzurro

 

Grande eco ha avuto l’articolo del giornale tedesco BILD relativo all’allarme attentati su spiagge Italia e Spagna prontamente smentito dall’intelligence italiana.

Il fastidio degli operatori del turismo italiano è stato immediato. La percezione è stata quella di un attacco alla prossima stagione turistica che si preannuncia con una tendenza largamente positiva.

Dopo le prime reazioni emotive (come quella di Roberta Milano)

che spinge a contrastare la notizia con l’Hashtag #azzurro) e quelle atte a contrastare le inevitabili e squallide strumentalizzazioni politiche a un certo punto una cosa sorprendente.

Enit fa l’Enit.

E dai due account Italia.it e Enit_italia inizia un’azione di comunicazione coordinata ed efficace.

Coniano un hashtag #WillkommenInItalien (insieme ad #azzurro) e invitano gli operatori a partecipare al racconto collettivo delle bellezze italiane.

A mia memoria è la prima volta che un Ente del Turismo canalizza e si mette in regia e la trovo una cosa estremamente positiva.

Hanno partecipato in tanti (qui le conversazioni), cittadini, operatori ed Account istituzionali del Turismo.

Un fiume di contenuti che hanno colorato di azzurro la giornata di ieri.

A un certo punto anche il ministro Franceschini ha voluto dire la sua.

Il ministro Dario Franceschini e il suo tweet “Ciaone”.

Un paio di considerazioni:

  • immaginare un coordinamento costante di Enit e Italia.it con gli account istituzionali e con gli operatori del turismo e della comunicazione utilizzando piattaforme come Telegram o Slack; questo permetterebbe di organizzare le campagne e le conversazioni in maniera più strutturata e meno estemporanea. Immaginare una campagna nazionale supportata dagli account degli Assessorati delle Regioni e dagli operatori che parte nello stesso momento non è un’utopia, anzi;
  • scrivere testi in italiano per contrastare una campagna negativa in lingua straniera è (come rilevava Robi Veltroni) poco efficace: prevedere delle traduzioni non credo sia difficile;
  • Le Regioni potrebbero fare lo stesso con i Comuni per arrivare a una struttura piramidale dall’efficacia comunicativa organizzata e formidabile;
  • Creare una manuale di immagine coordinata che possa proporre le immagini con il logo Italia e i loghi Regionali senza sembrare un volantino della pizzeria sotto casa;
  • Rimango sempre sorpreso dall’assenza di enti locali, strutture, operatori del turismo. Eppure queste sono le occasioni per promuovere a costo minimo la propria attività e contestualmente creare utili reti di relazioni;
  • sfruttare le potenzialità del racconto collettivo per un popolo di chiacchieroni come il nostro è una soluzione naturale e intelligente.
insopportabile

Ne ho le scatole piene, ma con eleganza.

Rispondi