Lettera aperta al Ministro Massimo Bray.

Un nuovo governo dal parto difficile e duramente contestato, anche da me. Nel settore che mi sta più a cuore, Cultura e Turismo, lei Massimo Bray (@massimobray) è stato nominato Ministro ma io, mi scusi, non la conosco.

Ecco, caro Ministro, partiamo da zero. Poche parole e molti fatti, le chiedo cortesemente.

Si circondi di persone che le possano far capire come il mondo promuove il proprio territorio calando poi quegli spunti nell’unicità del nostro territorio e delle nostre risorse.

Lei deve decidere, è giusto così. Ma si confronti con chi il turismo e la cultura lo gestiscono tra mille difficoltà e grande passione, spesso peggio pagati di chi lo distrugge.

Ascolti, valuti, sintetizzi, decida.

In fretta e bene, per favore.

Perché lei e il suo ministero sono forse la nostra unica speranza di ripresa come nazione, prima come identità che economicamente.

Ci renda orgogliosi di essere italiani.

Grazie.

 

Aggiornamento (30/04/2013)

Il ministro Massimo Bray dopo aver letto questa lettera ha risposto su twitter.

Acquisizione a schermo intero 29042013 203258.bmp

 

Se questo è l’inizio..

Acquisizione a schermo intero 30042013 094346.bmp

 

Attendo fiducioso.

insopportabile

Ne ho le scatole piene, ma con eleganza.

0 commenti

  1. Sottoscrivo il tuo appello. Verremo fuori da questa brutta secca morale e culturale solo attraverso un consapevole recupero dei nostri tratti identitari.
    Spero che il ministro nello stilare i pochi obiettivi chiari e perseguibili faccia riferimento ai tanti che gestiscono e vivono di e per il turismo.

  2. I am sure this post has touched all the internet viewers, its really really
    pleasant article on building up new webpage.

  3. Hi to all, the contents existing at this website are in fact remarkable for people knowledge,
    well, keep up the nice work fellows.

  4. …aspetti ancora o hai lasciato ogni speranza…?

Rispondi