La notizie della povera bambina morta (pare) per un tragico gioco veicolato tramite social network (TikTok) e il blocco dell’accesso al social Network stesso da parte del Garante della Privacy italiano ai minori previa verifica dell’età aggiunge elementi di riflessione e preoccupazione a un contesto del mondo digitale che sta forse arrivando a un punto di riflessione inderogabile.

Viviamo da cittadini in nazioni con regole, diritti e doveri normati da leggi nazionali che siamo giustamente obbligati a rispettare. I social network (e anche i grandi player digitali) hanno ibridato la nostra esistenza analogica permettendoci una trasversalità trasnazionale che ci permette di fare mille cose che spesso sfuggono alle regole nazionali.

Sempre più importanti per il condizionamento sociale e per le interazioni economiche e umane hanno però il vantaggio di essere considerate niente più che una attività economica tradizionale senza grandi limiti. La loro trasnazionalità è forse l’elemento che le rende sfuggenti alle regole democratiche che cambiano da nazione a nazione e che di fatto mediano con regole di buon senso ma con un unico fine: il reddito.

Prosperano come delle nazioni digitali che però sono democraticamente responsabili solo del bilancio economico e dittatorialmente della loro cittadinanza.

È un po’ facile lasciare al buon senso dei singoli e a qualche paginetta di policy l’andamento economico e sociale di questi macrostati digitali solo perché sono solo considerati soggetti economici.

Ecco perché la questione dell’identità digitale (che non significa vivere in uno stato di polizia ma poter essere responsabili delle proprie azioni nei confronti degli altri) e del diritto di esistenza in queste piattaforme (al di là delle giuste limitazioni su calunnie e comportamenti aggressivi) deve emergere al più presto.

Viviamo un momento in cui il digitale ha subito una accelerata e pervasività mai vista nella storia, ragionare oggi è un dovere e magari constatare anche che i modelli che finora abbiamo avuto (nazioni) possano essere da revisionare in funzione di strumenti che superano i concetti di confine fisico.

Perché se continuiamo a ignorare il problema ne saremo presto travolti.

, , ,
insopportabile

Ne ho le scatole piene, ma con eleganza.

Similar Posts
Latest Posts from insopportabile

Leave a Reply