Poi ci sono i social.

Una tragedia enorme, devastante, di quelle che ti mette di fronte a domande, a rabbia, a reazioni di pancia e a mille perché.

Nel dolore e nella frustrazione della tua testa ti chiedi come sia...